Ricerca personalizzata

La poesia è l'arte di usare, per trasmettere un messaggio, combinatamente il significato semantico delle parole e il suono e il ritmo che queste imprimono alle frasi; la poesia ha quindi in sé alcune qualità della musica e riesce a trasmettere emozioni e stati d'animo in maniera più evocativa e potente di quanto faccia la prosa

martedì 26 aprile 2011

Nontiscordardimè

Sin dal nostro primo incontro
ti avevo chiamata nontiscordardimè
piccolo fiorellino vestito di azzurro e giallino.
Ti aveva infastidito l'accostamento al fiore
non credevi minimamente potesse germogliare l'amore.
Mai vezzeggiativo fu più appropriato
da quel giorno non mi hai più lasciato.
Le assolate primavere pullulano di multicolori fiorellini,
il nontiscordardimè preferisce la mezz'ombra,
lo raccolgo con cura, è il mio prediletto,
lo stringo con affetto forte forte al petto.

giovedì 21 aprile 2011

Le strade non facili

A volte ci inoltriamo in strettoie,
vicoli ciechi, sentieri polverosi e angusti,
siamo timorosi, ci scoraggiamo,
vorremmo tornare indietro.
Spesso sono proprio quelle le strade da percorrere
per raggiungere la verità e la salvezza.

sabato 16 aprile 2011

Arriva sorella morte

Un singhiozzare di pianto nell'assoluto silenzio,
solenne dolore nel buio dell'angoscia,
la rassegnazione e il torpore,
l'ultimo desiderio strappato al cuore.
Mesto sorriso compare sul volto
nell'udire vocina innocente del nipotino,
nonno sta facendo riposino !!.
Sprazzi di lucidità terrena
s'intersecano ai luoghi dell'Aldilà,
finalmente arriva il momento,
si compie il grande evento.

giovedì 14 aprile 2011

I pensieri nella notte

E' notte fonda faccio l'orecchia
alla pagina del libro, lo poso sul comodino,
spengo la lampada e si accendono i pensieri.
Alcuni fanno solo capolino,
durano un attimo e si disperdono nell'oscurità,
altri insistono, si agitano come pesciolini
nell'acquario della mia esistenza.
Non oppongo resistenza
li lascio liberi di fluttuare
nelle torbide acque della mente.
Sono pensieri insidiosi
di quelli che fan rimordere la coscienza,
spesso prevalgono sui buoni sentimenti.
Nel buio della inquieta notte,
finalmente viene in mio soccorso l'albeggiare,
con la sua tenue luce, al riposar m'induce.

mercoledì 13 aprile 2011

Nell'erba alta

Trascinata dal vento l'erba alta è come verde onda
nel suo folto ventre distendo il mio corpo.
Sul soffice prato, al tepore del sole,
affido le mie stanche membra.
Su di me, dipinto di bianche nuvole
risplende l'azzurro cielo.
Percepisco forte l'abbraccio amoroso
della terra e del cielo
sento nell'anima mia anelito d'amore vero.

martedì 12 aprile 2011

Mano di madre piena d'amore

Sento nell'anima ardenti fiamme,
respiro l'acre fumo dei cattivi pensieri,
cerco salvezza in una carezza.
Mano adorata, mano fatata, mano che protegge,
mano di madre piena d'amore
consola e allevia il dolore,
resta appoggiata sulla mia guancia
fammi sentire quel dolce tepore
spegni l'incendio che ho nel cuore.

lunedì 11 aprile 2011

Il nostro amore verso un'altra primavera

Il buio della notte cede il posto
al chiarore dell'albeggiare,
nella tenue luce del nuovo giorno
scorgo meglio il tuo bel volto,
ascolto la tua voce echeggiar nel vento
portando il nostro amore
verso un'altra primavera.

domenica 10 aprile 2011

Superstizioni

Gli apotropaici portafortuna
allontanano la cattiva luna.
Si stringe tra le mani un quadrifoglio
per non sentirsi colpiti nell'orgoglio,
portachiavi con annesso corno
per toglier gli influssi malefici intorno,
il sale da cucina non bisogna versare
per non sentirsi male,
con simpatia si guardano i gobbetti
per sentirsi più protetti.
Con queste e altre popolari superstizioni
ci s'illude d'ingannare il destino
ma niente e nessuno
potrà cambiare il suo cammino.

giovedì 7 aprile 2011

Ci facciamo compagnia

Siamo rimasti soli
la nostra casa è vuota,
i figli se ne sono andati
sembriamo due sposini innamorati.
Ci facciamo compagnia,
io con i miei silenzi
tu con tanta voglia di parlare
che dalla collina arriva fino al mare.
A pranzo e a cena
consumiamo il pasto come novena,
fra di noi c'è un terzo incomodo,
la televisione con i suoi programmi
i catastrofici telegiornali,
volentieri la farei volar dalla finestra
per mangiare in pace la mia minestra.

mercoledì 6 aprile 2011

La tua cartolina

Cartolina tra le mani
di bianche spiagge Hawaiane,
mi hai scritto,
al mio amore un abbraccio di cuore.
Nella nebbia di Milano
disperdo i miei pensieri
alle raffiche di vento
affido il mio scontento,
girando e rigirando la cartolina
immagino il tuo corpo
nell'acqua cristallina.

martedì 5 aprile 2011

Cerco flebile fiammella

Quando il nulla m'assale
il vuoto riempie la mia anima
sono come libro con pagine bianche
albero che non dà più frutti.
Invoco appiglio salvifico
che mi conduca fuori dal tormento,
cerco flebile fiammella
col suo tenue chiarore
scacci il terrore
dalla mente e dal cuore.

lunedì 4 aprile 2011

Da bambino

Da bambino a Minervino giocavo
a palla prigioniera e a nascondino,
in ripida discesa dal Faro a San Michele,
su una biciclettina tutta sgangherata,
sentivo l'aria tagliarmi il viso
dov'era stampigliato sempre un bel sorriso,
le gare con i compagni,
le lunghe corse a perdifiato
in primavera capriole sul prato.
Con un pizzico d'incoscienza,
accanto l'Angelo Custode,
senza paura la vita ogni giorno un'avventura.

venerdì 1 aprile 2011

Sulla Croce a Minervino

Stanco dopo ripido cammino
finalmente arrivo alla Croce di Minervino,
mi riposo alla sua ombra
a contemplare l'azzurro cielo.
In piena Murgia fra sassi e sterpaglie
dal ventre della madre terra
sento urlare l'anima mia,
sentimenti d'odio e amore
combattono nel mio cuore.
Il vento soffia sull'assolata collina
racconta con sincerità
di tanta gente che è dovuta emigrare
per poter campare.
Non c'è rancore ma solo nostalgia,
la solitaria Croce del luogo natio
porterò sempre nel cuore mio.

Informazioni personali

La mia foto
Italy
libero pensatore e poeta per caso

Archivio blog

Lettori fissi