Ricerca personalizzata

La poesia è l'arte di usare, per trasmettere un messaggio, combinatamente il significato semantico delle parole e il suono e il ritmo che queste imprimono alle frasi; la poesia ha quindi in sé alcune qualità della musica e riesce a trasmettere emozioni e stati d'animo in maniera più evocativa e potente di quanto faccia la prosa

sabato 23 giugno 2012

Il pipistrello

Nell'afa delle notti d'estate
il pipistrello è attivo e ghiotto
divoratore di zanzare,
di giorno preferisce dormire a testa in giù,
verso il vespro per non smentire
il suo vero nome latino " vespertillo "
spalanca la sue membrane alari,
con gli ultrasensibili padiglioni auricolari
continua a svolazzare in lungo e in largo
senza mai perdere il suo orientare.
Come noi esseri umani
anche lui è un mammifero,
per quel che può viene in soccorso,
dalle zanzare cerca di evitarci il morso.

venerdì 22 giugno 2012

La luna illuminava il tuo splendido viso

Nei lunghi silenzi
parlavano le nostre mani
strette fino a farci male,
quanti pensieri non espressi
quanti desideri compressi
quanti progetti riempivano il nostro cuore
traboccante di silente amore.
Nell'abbraccio carnale
riuscivamo a sussurrarci ti amo,
la luna nelle sere d'estate
irradiava di riflessi luminosi
il tuo splendido viso
ti guardavo estasiato
nella mia anima
albergava già il Paradiso.

giovedì 21 giugno 2012

Il vero amore non conosce usura

Questa notte ho sognato
che il mio amore era stato operato,
dal cervello le avevano asportato
tutto il bene che le avevo dato.
Per lei ero ormai un illustre sconosciuto
a malincuore riuscivo a farmene una ragione.
Con pazienza, costanza e volontà
son riuscito a farla di me rinnamorare,
accarezzando i suoi morbidi capelli
sfioravo la vecchia cicatrice,
al sol ricordo tremavo pieno di paura,
lei mi rassicurava
era convinta che il vero amore
non conosce usura.

mercoledì 20 giugno 2012

La nostra precarietà

Questa vita che fugge via
come bagliore improvviso di lampo,
quando sentiamo il tuono il pericolo è già passato,
altri fulmini cadranno a render il cammino accidentato.
E' così poco il tempo che ci è concesso ,
disponiamo il cuore a vivere una illusoria eternità
rimuovendo l'immenso vuoto della nostra precarietà.

martedì 19 giugno 2012

Tabagismo

Anni fa per non più fumare trenta sigarette al giorno
mi auto convinsi ad usar la pipa,
mi divertivo a sollevare concentrici anelli di fumo
li guardavo dissolversi liberi nell'aria
li vedevo sparire con i miei pensieri.
Quando fui stufo di tenere in bocca e in mano il legno
mi consolai con i mitici toscanelli,
mi davano più soddisfazione, un'aria da intellettuale,
mi facevano sentire più fico
buttavo fuori fumo pur dall'ombelico.
Un giorno infausto mi sentii male
facevo fatica a respirare
anche ai sigari dovetti rinunciare se volevo continuare a campare.
Ricordo ancora con nostalgia i bei tempi
quando ancora giovane e pimpante
fumavo anche stando a letto,
dopo l'amore con l'accendino che lei mi aveva regalato
davo fuoco a una sigaretta e mi sentivo beato.

lunedì 18 giugno 2012

Fagiolino

Aspettavamo la lieta notizia con trepidante attesa
la mia Ileana chissà quante volte l'aveva desiderato
ancor prima d'averlo concepito.
Nel tenerlo tanti mesi in grembo viene in soccorso madre natura
contro la sofferenza dona alla mamma coraggio e pazienza.
Con il passar dei mesi fagiolino diventerà sempre più grande,
vorrà veder la luce fra Natale e Capodanno
la rima vuole nasca stupenda creatura senza trucco e senza inganno.

Quando la naia era obbligatoria

Camerate dislocate in lunghi corridoi
coperte militari distese su brande a castello
anfibi lucidi da potersi specchiare
enormi zaini allineati come soldati,
l'addestramento formale sfiancava anche i più dotati
la sera dopo aver ascoltato la tromba in religioso silenzio
occhi sbarrati a guardare il soffitto e le reti sovrastanti.
Nello stanzone pregno d'aria di fiato umano,
si percepivano le urla in un assordante silenzio,
i pensieri di tutti i commilitoni
erano come il ronzare d'impazziti mosconi.
Ritornavano alla mente
le promesse d'amore prima di partire,
il paese natale, gli amici più cari,
la famiglia, il lavoro, gli studi interrotti,
l'assillante pensiero del lontano congedo,
prima che arrivasse Morfeo ad occhi aperti
si sognava l'agognata libertà
ci si chiedeva che facciamo noi qua ?
A qualcuno capitava al risveglio di trovare un regalino
il nonno maledetto aveva spalmato dentifricio sul cuscino,
toccava al malcapitato cominciare il nuovo giorno col bucato.
Da anni ormai la naia non è più obbligatoria
hanno liberato i giovani da una inutile paranoia.

domenica 17 giugno 2012

Lontani ricordi

L'eco delle tue parole d'amore
riecheggiano nella mia mente
mi giungono come note strimpellate
su un vecchio pianoforte scordato,
m'assale malessere improvviso
un freddo sudore bagna la mia fronte
i pensieri s'immergono nel mare
di lontani ricordi.
Mi allontano spaventato da quella voce
che per tanto tempo
è stata parte integrante della mia vita.

sabato 16 giugno 2012

Un barbone quasi felice

Non abbiate paura del mio aspetto trasandato
se dico parole senza senso sorridete pure
non chiedo niente
non supplico nessuno
la mia casa è una panchina
non ha numero civico
non bussa mai il postino,
a volte faccio due passi e sono quasi felice
subito ritorno sui miei passi
ho paura che mi rubino i cartoni e la coperta militare
senza di loro la notte non riesco a riposare.
Nel consunto zainetto, mia preziosa dispensa,
conservo i miei beni,
una mezza bottiglia di vino
dei biscotti induriti
vecchi giornali e uno spazzolino,
quest'ultimo lo regalerò
poichè ieri mi è caduto l'ultimo canino.
La mia vita è tutta qua
durerà fino a quando Dio vorrà.

venerdì 15 giugno 2012

L'amore in un verso di Dante

Quando Dante divino poeta
si sentiva palpitare nell'anima
il sentimento dei sentimenti
chiamato amore
esternava gli stupendi versi:
"  L'AMOR CHE MUOVE IL SOLE E L'ALTRE STELLE. "
Percepiva nel suo cuore
l'amore di tutto il creato.
Ai suoi versi sentiti e sinceri
gli esseri umani dovrebbero ispirare
tutti i loro pensieri,
senza l'amore nella vita
rimarrebbe solo sterile e inutile dolore.

giovedì 14 giugno 2012

Le ultime parole prima di morire

Giacevi esangue
col solito ghigno beffardo
stampato sul viso
eri morto da poco,
mi ero seduta accanto al letto
ti guardavo abbozzando
un malinconico sorriso,
ricordavo con piacere
le tue ultime parole
pronunciate piano piano
prima di spirare, avevi balbettato:
" Vorrei chiederti di fare
l'ultima volta l'amore,
ma vista la solennità del momento
rimandiamo a data da destinarsi il piacevole evento. "
Avevi fatto sicuramente un grande sforzo per parlare
avevi voluto stemperare il tragico momento
regalarmi l'ultima ironia del tuo cuore contento.

mercoledì 13 giugno 2012

Era l'ora più bella per fare il bagno.

All'orizzonte guardavamo estasiati
l'adagiarsi del sole sul mare
alle bianche nuvole
affidavamo i nostri più intimi desideri,
era l'ora più bella per fare il bagno
l'acqua tiepida e cristallina.
Appena ti bagnavi
sulle tue labbra si stampava un dolce sorriso
ero contento di vederlo sul tuo viso,
aspettavo con immenso piacere
quel solenne momento
tutt'intorno era gaia allegria
chiudevo gli occhi per un attimo
per trattenere la tua stupenda felicità.

lunedì 11 giugno 2012

La spina

Nel gustar l'orata
una spina ho ingoiata
fra le tonsille si è conficcata
ho ingurgitato grosse molliche di pane
mandato giù anche una fetta di salame
ma lei imperterrita è sempre lì
come la regina del reame,
su suggerimento di mia cognata
provo a mandar giù un pezzo di cioccolata,
finalmente si sposta dopo circa due ore
raggiunge le altre spine che ho nel cuore.

domenica 10 giugno 2012

Innamorato della poesia

Innamorato della poesia
cominciai a scrivere di cielo  e di mare,
di nuvole e luna,
di sole e tramonti,
di fiori e farfalle,
di stelle e silenzi,
di quand'ero bambino
dell'allegro cinguettar d'un uccellino,
con versi pregni d'anima e amore
di sogni e realtà,
di tormento e dolore
il tutto riferivo all'umano cuore.
Consapevole che son solo parole
stampate su un foglio che si può cestinare,
gettatelo pure,
ma a me la poesia aiuta a sognare.

sabato 9 giugno 2012

Trenta di Michele

La campana dei trent'anni
che il nove giugno suona a festa
con i suoi rintocchi ti dichiara ufficialmente
uomo tecnologicamente dotato.

Dall'adolescenza alla maturità
ti sei esclusivamente nutrito
di spaghetti conditi con la web-realtà.

La tua fede rossonera è passione sincera
per il Milan a san Siro sei devoto
a lui fai spesso ex voto.

Di Fabiana innamorato
hai promesso d'esser presto sposato
la capanna dei tuoi sogni
con costanza vai cercando,
non te ne va mai bene una
prima o poi la troverai
fosse anche sulla luna.

venerdì 8 giugno 2012

Mentre ti aspetto guardo il cielo

Immergo lo sguardo
in tanto cielo
in tanto mare
riempio gli occhi
di bianche nuvole di zucchero filato
ammiro incantato una fetta di luna
che si fa largo dietro il promontorio
per luccicare col dolce chiarore delle stelle.
Resto lì in assorto silenzio
quasi immobile per non disturbare,
appoggiato alla ringhiera del mio balcone
ti aspetto.

Scendere dai dorati piedistalli

Alla moltitudine di tuttologi sputasentenze
ai soloni e sapientoni ad altissimo onorario
ai vip sempre in bella mostra
ai super dotati dalle menti eccelse
si contrappone unanime l'immenso coro degli esseri umani
che fanno scorrere la propria vita sui binari
della semplicità ed umiltà.
I primi scendano dai dorati piedistalli
si confondano nel brulichio della comune gente
per essere d'aiuto gratuitamente all'umanità
con le loro presunte o vere spiccate qualità.

giovedì 7 giugno 2012

Tormento d'amore

Quando m'assale
l'irrefrenabile voglia di te
ho paura di me stesso
non riesco a districarmi
nell'oscuro labirinto dell'angoscia
cerco invano spiragli di luce
m'aggrappo a fatica alla speranza,
domani poterti amare ancora.

mercoledì 6 giugno 2012

Pensieri

Pensieri sgualciti
pensieri aggrinziti
pensieri scarabocchiati sul consunto album dei ricordi
pensieri non veri
pensieri che testimoniano l'inutilità, la ritrosia
nel non voler ammettere
la pochezza e la fragilità che ci caratterizzano.
Bando ai falsi pudori
mostriamoci per quello che siamo
pensiamo accettando i nostri limiti,
ci vorremo più bene di quanto crediamo di volercene,
ci aiuteremo a percorrere più serenamente
le strade dell'onesta consapevolezza.

I nemici della società

Violenza e criminalità
sono gli atavici nemici
della nostra libertà
mutilano la nostra speranza
limitano il nostro pensare
frenano il nostro operare.
Violenti e prepotenti
non perdono occasione per delinquere,
distruggere, minacciare, devastare,
quello che l'umana convivenza
ha saputo in pace creare.
Terroristi, fanatici, guerrafondai
li troviamo in ogni nazione
su di loro scenda maledizione.

martedì 5 giugno 2012

L'infradito

Ai primi tepori estivi
compare l'infradito
mette allegria
il piede non è più ingabbiato
con la bella stagione
si sente rinfrancato.

L'infradito è vivace e sbarazzino
anche il vecchietto
che lo calza si sente ragazzino.

E' usato in tutto il mondo
nelle più varie fogge e colori
lo chiamano " flip flop "
nel Regno Unito
a noi ci aggrada più chiamarlo infradito.

Con lui si possono guadare limpidi ruscelli
bagnare gli alluci
sulla battigia di un azzurro mare.

Evviva gli infradito
che le suole delle scarpe
fanno risparmiare.

lunedì 4 giugno 2012

Vergogna per gli sciacalli sulle zone terremotate

Sulle disgrazie altrui
rivelano la loro anima immonda
calano sulle prede affamati come avvoltoi
sono senza decenza
non hanno un briciolo di coscienza
azzannano le martoriate carni
di chi dal fato è stato già provato.
VERGOGNA VERGOGNA.

domenica 3 giugno 2012

La parola

Detta a caso o per convinzione
sortisce sempre reazione
la parola a volte è terapia
può guarire la malinconia
la parola scava dentro
come trapano va in profondità
porta alla luce la celata verità.
La parola è schiaffo o carezza
pronunciata con sincerità
mette a nudo la realtà.

sabato 2 giugno 2012

Sali sul mio bianco cavallo

Sali sul mio bianco cavallo
lui è veloce come il vento
percorreremo insieme
il non facile sentiero della nostra vita.
Ci condurrà sulla strada dell'eternità
dove non esiste la paura
la morte in groppa alla sua sella
sarà nuova avventura.

Amore sempre amore

L'amore possiede straordinaria energia
ha il sopravvento sul male
ai suoi ganci ti devi aggrappare
appendere tutto il tuo sperare.

Per le ansie e le paure
è rifugio sicuro
scopre la tua fragilità
ti rende consapevole della tua dignità.

Diamo amore e riceviamo amore
cerchiamolo nei posti più impensati
desideriamolo ardentemente
lui non si compra e non si vende
lo si può trovare ovunque gratuitamente.

venerdì 1 giugno 2012

Solo il mio sognare ci fa incontrare

Da tempo immemore
sei andata via per sempre
ora il tuo spirito aleggia libero nell'infinito,
la mia anima invece ancora resiste
nel vortice della vita terrena.
Solo il mio sognare ci fa incontrare
ti abbraccio su una nuvola bianca
balliamo avvinghiati al dolce suono
di una sconosciuta melodia.

Informazioni personali

La mia foto
Italy
libero pensatore e poeta per caso

Archivio blog

Lettori fissi