Ricerca personalizzata

La poesia è l'arte di usare, per trasmettere un messaggio, combinatamente il significato semantico delle parole e il suono e il ritmo che queste imprimono alle frasi; la poesia ha quindi in sé alcune qualità della musica e riesce a trasmettere emozioni e stati d'animo in maniera più evocativa e potente di quanto faccia la prosa

martedì 14 agosto 2012

Quan yev nu wagnenet a Mnarvein

Quan yev nu wagnenet
nan putom scei a internet,
quan yev nu wagnenet
u cellular de Mnarvein
yev nu giovn ca se chiamav Bertucc
e stev o centralein,
quan yev nu wagnenet
se sciucav a sduz
a spaccachiang
a toccafir, a saltembizc
a cavad-lung, a la skenneut
a pres e salv
o vervluzz,
a l'angappat,
quan yev nu wagnenet
nu getton du bigliardein custac dec leir
se nisceun se n'addunav
mettom u fazzlet yind a la port
la parteit nan frnev chieu,
quan yev nu wagnenet
quas nisceun fra li cumpagne tenev la biciclet,
quan yev nu wagnenet
a la fest de sant'Mchel e de la Madon du Sapt
se putev accattaie u parapal e u frishchet.


Quando ero un ragazzino a Minervino


Quando ero un ragazzino
non potevamo andare in internet,
il  cellulare di Minervino
era un giovane che si chiamava  Bertuccio
che stava al centralino,
si giocava a nduzzo,
si giocava a spaccachianga,
a toccaferro, saltoembizzico,
a cavallo lungo,
a nascondino, a preso e salvo,
al vervelluzzo, all'acchiappata,
un gettone del bigliardino
costava dieci lire
se nessuno se ne accorgeva
mettevamo il fazzoletto nella porta
la partita non finiva più,
quasi nessuno fra i compagi
teneva la bicicletta,
alla festa di san Michele e della Madonna del Sabato
si poteva comprare il parapallo e il fischietto.




Nessun commento:

Posta un commento

Informazioni personali

La mia foto
Italy
libero pensatore e poeta per caso

Archivio blog

Lettori fissi